Family Day e Social Network

Oggi 30 gennaio 2016 è il giorno del Family Day: in Italia, oltre un milione di persone (dato comunque da verificare) si sono riunite al Circo Massimo di Roma per difendere i diritti della Famiglia Naturale e protestare contro il ddl Cirinnà, che introdurrebbe le unioni civili e la “stepchild adoption” per le coppie omossessuali e disciplina le convivenze di fatto quasi “equiparandole” al matrimonio, ed è chiaro che metter mano un tema così sensibile ha suscitato fin da subito l’opposizione dei conservatori e dei cattolici italiani.

Televisione, Carta stampata, Radio: negli ultimi giorni siamo stati letteralmente bombardati dagli argomenti e dalle opinioni contrastanti riguardo a Unioni civili, Family day e Dll Cirinnà.

Ma come hanno affrontato e come stanno affrontando i Social quest’argomento così acceso e così ghiotto dal punto di vista della visibilità?
Come nel mondo reale, anche nella galassia dell’internet ci sono le due fazioni:

Lo schieramento Family Day

Family day 01

 

La pagina di “Difendiamo i nostri figli” il comitato promotore del Family Day 2016, ad oggi presenta due siti internet (http://www.familyday2016.it/ e  http://www.difendiamoinostrifigli.it/) e una pagina fan Facebook di circa ottomila likes, ed è il contenitore principale attraverso il quale vengono diffuse immagini e notizie della manifestazione in atto proprio oggi, come questo ad esempio:

 

Family day 2 milioni

Vi sono anche numerose sottopagine “territoriali” del comitato, divise per area, zone, città:

Schermata 2016-01-30 alle 17.21.15

I destinatari sono principalmente persone di religione cattolica e di indole conservatrice, i contenuti condivisi sono ovviamente contro tutto ciò che prevede il Ddl Cirinnà, ed è curioso notare come attraverso i social sia stata attivata una piattaforma di crowdfunding.

Family day crowdfunding

Ma il ruolo più importante è stato giocato dai leader politici che si sono schierati a favore del Family Day: sia dal centro fino all’estrema destra è stato un tripudio di condivisione e di hashtag per lanciare dei messaggi di solidarietà alla famiglia naturale:

Simone di Stefano di Casapound Italia, gruppo politico di estrema destra, si è espresso così:

Casapound 02

Uno dei comunicati sulla pagina ufficiale del partito

 

12647349_10153495345852842_3651978227083639223_n

Simone di Stefano, vice presidente di Casa Pound

 

 

Attivissimo sui social, come sempre, il Sen. Gasparri non ha perso l’occasione per dichiarare la sua vicinanza alle associazioni:

Gasparri Family

Uno dei tweet recenti di Gasparri

Ma c’è chi come Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia, invece, ha fatto di più:

 

Giorgia 02

Auguri, Giorgina!

Giorgia 01

#difendilafamiglia

Lo schieramento #SvegliatiItalia

La settimana scorsa, il 23 gennaio, organizzata da da Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno e Mit. si è tenuta in molte piazze italiane la contromanifestazione a favore dei diritti per le coppie omosessuali e di fatto: Svegliati Italia.

image

La diffusione del messaggio è partita dalle pagine ufficiali delle organizzazioni sopracitate ed è stata a dir poco virale, maggiormente declinata in salsa social rispetto a quella dei promotori del Family day: sono state numerosissime le condivisioni di Foto, Video e contenuti multimediali delle centinaia di migliaia persone che hanno partecipato alle 99 manifestazioni sparse in tutta Italia.

Sono stati numerosi gli endorsements anche da parte dei web influencers , e vi allego questo link dove è presente la mappa di chi ha contribuito più alla causa via Twitter, solo per farvi avere un’idea delle numerose manifestazioni di solidarietà.

Twitter Gay Friendly
I partiti e i politici hanno giocato un ruolo fondamentale anche in quest’altro lato dello schieramento: dal centro sinistra alla sinistra, sono state numerose le manifestazioni di vicinanza alla causa, come ad esempio:

vendola svegliatitialia

La dichiarazione dell’ex Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola

serracchiani svegliaitalia

Il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani.

 

 

 

Ed in tutto questo fiorir di polemiche Anche le aziende non si sono fatte scappare l’occasione di poter ampliare il loro bacino d’utenza.

Il real time marketing utilizzato da qualche agenzia questa volta (ma come anche in passato) per affrontare l’argomento sui social è stato veramente geniale:

coop

saikebon Diritti

cocacola diritti

absolut diritti ikea diritti

E poi alla fine c’è il mio preferito, il più profetico e geniale tra tutti:

Schermata 2016-01-30 alle 18.58.18