Anonymous attacca Salvini: quali sono le reazioni?

Poco fa, nella sera del 27 dicembre, appare nella bacheca dei followers di Salvini uno strano aggiornamento: Matteo Salvini ha aggiornato la sua immagine del profilo.

Il leader della Lega passa molto tempo sui social network, e la notizia in sé per sé non è una notizia.

La vera notizia è che l’immagine del profilo, nuova, è questa.

salvy

Ora, come sappiamo Anonymous non è nuovo a questi attacchi; tra i più famosi ricordiamo quello ai profili dei presunti terroristi riconducibili all’ISIS (nel 2014) e quelli del 2012 al portale del Vaticano, che avrebbe comportato addirittura un down per cui Facebook rimase inaccessibile dall’Italia per due ore.

Il cercare di creare disagi agli account colpiti fa d’altronde parte della strategia di questi attivisti; spesso infatti vengono colpiti profili social di personaggi scomodi alla loro filosofia, che si ispira alla totale libertà di espressione e di pensiero. In questo senso, infatti, sono stati motivati gli attacchi verso l’AGCOM, l’Operazione in sostegno del sito MegaUpload e, più di recente, al sito del Ku Klux Klan.

Altri attacchi sono stati in realtà sferrati non solo verso personalità pubbliche, ma anche politiche. Tra questi Vittorio Sgarbi, la Casaleggio & associati, il Ministero dell’Interno e svariati sindacati di Polizia, questi ultimi  colpiti non tanto per azioni contro la libertà di espressione altrui quanto per violare la segretezza delle loro comunicazioni interne, considerata contraria al principio di trasparenza.

Ciò che rende interessante l’attacco alla pagina Facebook di Salvini è come lui ha reagito.

Se infatti gli altri utenti colpiti hanno reagito con comunicazioni ufficiali come comunicati stampa e dichiarazioni, Salvini invece poco dopo il cambio di immagine del profilo (e di copertina) elimina il post di notifica, ed anche l’immagine che gli attivisti hanno pubblicato al suo posto e che recita il motto del gruppo.

Schermata 2015-12-27 alle 21.46.52

Questa scelta si basa su un motivo ben preciso: la fanbase di Matteo Salvini è molto attiva e molto ricettiva ai suoi inviti (call to action) ma – con più di un milione di like – molto numerosa.

Salvini (o chi per lui), può contare su un appoggio incondizionato degli utenti che lo supportano: prima dell’eliminazione, infatti, questi intervengono commentando le nuove foto, insultando gli attivisti e chi commenta esprimendo posizioni di sostegno all’azione di Anonymous.

Per quanto sia quindi una fanbase tendenzialmente fidelizzata, è comunque molto difficile riuscire a veicolare un messaggio per sua natura virale. Il post viene subito condiviso centinaia di volte, e si propaga velocemente nel web. Il rischio è che il messaggio – pro o contro l’attacco – potrebbe quindi arrivare anche a chi non è convinto (fermo restando, inoltre, che non tutti gli utenti sono elettori di Salvini) o a chi non abbia la più pallida idea di cosa sia Anonymous e di come l’organizzazione agisca.

Dopo poco tempo, infatti, Salvini pubblica un aggiornamento (sia su Twitter che su Facebook) in cui “ribalta” le accuse: democratico è chi attacca l’antidemocraticità altrui? No. Chi fa ciò è un “coniglio”, sostiene.

Schermata 2015-12-27 alle 22.29.49

 

 

Schermata 2015-12-27 alle 23.41.00

 

Sempre su Twitter, inoltre, chi si occupa della comunicazione di Salvini commenta evidenziando i presunti risvolti positivi che l’attacco del gruppo avrebbe portato alla pagina fan del politico.

Schermata 2015-12-28 alle 00.18.35

 

Adesso, non sappiamo quali saranno gli effetti di tale attacco; non sappiamo se Salvini aumenterà il proprio traffico (cosa probabile) e se questo aumento si rifletterà sul consenso che Salvini ha (cosa molto poco probabile).

Sappiamo che Salvini è un leader che spinge molto sul “bene o male purchè se ne parli”, e sappiamo che questa tendenza si è manifestata in svariate occasioni, portandolo a polemizzare con personalità pubbliche come Jovanotti, Gianni Morandi, Fedez.

Non sappiamo come questo episodio evolverà; sappiamo, però, che forse un altro riflettore sulla (già di per sé) soffocante presenza di Salvini nel dibattito pubblico proprio non serviva.

Schermata 2015-12-28 alle 00.31.00
Link Utili:

Comescusa? – Il mio blog